CITTÀ DEL VATICANO

2 Aprile / 32 Studiosi e Autorità Internazionali
in preparazione al Seminario di Alta Ricerca
«Maria nel ‘patto educativo globale’? Esperienze Contenuti Prospettive»

Area

Interreligiosa

La globalizzazione delle persone, delle informazioni e delle merci (di qualunque tipo) ha avuto l’effetto di mettere in discussione il postulato per cui confine e certezza sono la medesima cosa. I confini non sono più strumenti di certezza in quanto muro che respinge, a mo’ di anticorpo, quanto percepito come estraneo ed ostile. Occorre un nuovo modello di confine e un nuovo modello di certezza: il confine come relazione; e la certezza come co-esistenza pacifica e collaborativa. Così riformulati, il confine e la certezza contribuiscono, nella loro valenza propria, alla modulazione di una forma di cittadinanza all’altezza della globalizzazione (intesa come fenomeno irreversibile) e delle sfide poste dai processi sempre più ampi di “sostituzione” del reale/concreto con il virtuale/a-reale. Il dialogo interreligioso, oltre ad essere una necessità teologica per le religioni, si presenta così come una forma di costruzione attiva di questa nuova cittadinanza, dati i riflessi socio-culturali che che ogni tradizione religiosa promuove e custodisce nella sfera del pensare e nella sfera dell’agire non solo “privati”. Cosa può dire in questa sfida planetaria la figura trans-religiosa di Maria?